Blog e News

Segui le nostre novità

Spalla di Schilpario: come cucinarla per il pranzo della domenica

La Spalla di Schilpario è un insaccato artigianale della Valle di Scalve dalla ricetta segreta. E' preparata artigianalmente dalla macelleria di Pierluigi Pizio, proprio nel piccolo paese di montagna che ne caratterizza la denominazione. 

Spalla di Schilpario: come cucinarla per il pranzo della domenica

La Spalla di Schilpario è un insaccato artigianale della Valle di Scalve dalla ricetta segreta. E' preparata artigianalmente dalla macelleria di Pierluigi Pizio, proprio nel piccolo paese di montagna che ne caratterizza la denominazione. 

Un prodotto tipico bergamasco ancora poco conosciuto da consumare previa bollitura. Una preparazione semplice come tutte le cose buone sanno essere.

Ecco la ricetta per cucinare la Spalla di Schilpario, abbinandola all'assaggio del Formaggio Nero della Nona e, perchè no, a un altro prodotto tipico bergamasco: la tanto celebrata polenta di mais!

Una golosa idea per il pranzo della domenica, ma anche per il tuo Natale o Capodanno.

Ingredienti per 4 persone:

·         una Spalla di Schilpario da 1 kg - acquistabile subito QUI

·         1/2 kg di farina bramata di mais per polenta

·         1 kg di patate gialle

·         1/4 di forma di Formaggio Nero della Nona - acquistabile subito QUI

·         prezzemolo fresco q.b.

·         olio extra vergine di oliva q.b.

·         sale grosso q.b.

 

Procedimento:

La parte più lunga di questa ricetta riguarda la preparazione della Spalla di Schilpario. Nonostante sia molto semplice da cuocere, necessita di molto tempo. Mettiamola in abbondante acqua NON salata e facciamola bollire lentamente per almeno 2 ore. Una volta pronta, la togliamo dal liquido di cottura e la facciamo raffreddare un poco prima di tagliarla a fette sottili.

A parte, facciamo lessare in acqua salata le patate e, una volta cotte, tagliamole a cubi avendo cura di condirle con del prezzemolo tritato e un filo di olio EVO.

E' la volta della polenta. Le dosi dipendono molto dalla consistenza voluta e dalla tipologia di farina utilizzata. Come regola base potremmo utilizzare per mezzo chilo di farina, 2 litri di acqua, avendo cura di salarla. In una pentola con i bordi alti o in un paiolo, mettiamo a bollire l'acqua. Poco prima di raggiungere il bollore, aggiungiamo la nostra farina, poca per volta, mescolandola per non far formare i grumi. Cuociamola a fiamma bassa, avendo cura di rigirarla ("Menare la polenta", come dicono i bergamaschi) di tanto in tanto, per circa 40 minuti - 1 ora.

Ora possiamo servire la spalla a fette, con un poco di polenta e le patate. Per finire il piatto in bellezza, prendiamo il quarto di forma di Formaggio Nero della Nona e affettiamolo: otterremo un'esplosione di sapori scalvini tipici di queste zone di montagna.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Non hai ancora assaggiato il nostro Formaggio nero?

Acquista direttamente dal sito, riceverai i nostri prodotti direttamente a casa tua in modo comodo e sicuro.